palazzina liberty milano

Palazzina Liberty Milano

La Palazzina Liberty di Milano è uno dei simboli della zona 4 di Milano. È stata progettata nel 1908 dal grande architetto Alberto Migliorini, come parte integrante del Verziere di Milano, uno spazio destinato al mercato della frutta e della verdura.

È immersa nel bel parco dei Marinai d’Italia, anche se oggi le istituzioni, vorrebbero chiamarlo parco Vittorio Formentano, in onore del fondatore dell’AVIS.

Un edificio subito riconoscibile che con i suoi 756 metri quadri “troneggia” sul bel parco milanese.

La nascita della Palazzina Liberty di Milano

Quando venne edificata, il suo ruolo era cruciale: era qui che si sarebbero effettuati gli scambi commerciali del Verziere. Una sede d’impatto che “nobilitasse” il ruolo dei commercianti di frutta e verdura.

Dal Verziere al parco, una storia moderna

Dobbiamo però arrivare al 30 luglio 1965, data in cui si chiuse ufficialmente il Verziere e si decise di riqualificare l’area che era stata per tanto tempo il mercato ortofrutticolo.

La riqualificazione divenne tardiva perché, la Sovrintendenza si accorse che nell’area da destinare al verde c’era una palazzina di grande valore storico che non poteva essere abbandonata a se stessa e bloccò tutti lavori di rifacimento.

Palazzina Liberty e teatro

Arriviamo così alla primavera del 1974, periodo in cui i giovani attori di Milano, con Fo e Rame in testa, decisero di “occupare” la palazzina e di chiedere a gran voce il restauro dell’opera, inscenando per tutti gli avventori la rappresentazione “Mistero Buffo”.

Tanto rumore e alla fine il Comune decide di concederla in uso al “Collettivo teatrale la Comune”, proprio di Fo e Rame, che la useranno come sede dei propri spettacoli.

La Palazzina Liberty nella modernità

Finalmente, nel 1980 la palazzina trova la pace meritata e la sua collocazione morale; diventa sede della Banda Civica.

Nel 1992 dopo gli ultimi lavori di ristrutturazione, la palazzina viene adibita a luogo ricreativo e culturale anche se, oggi, non è semplice trovare le sue porte aperte e poter ammirare anche gli interni.

Ancora un’evoluzione e nel 1994, diviene sede dell’Orchestra da Camera Milano Classica che svolge qui la propria stagione concertistica.

Per ultimo, nel 2017 il Comune ha deciso di intitolare la Palazzina a Dario Fo e Franca Rame.

La palazzina oggi

Con una capienza di 190 posti, la Palazzina è oggi un centro importante di sviluppo per la cultura della musica da camera.

Presenta anche uno spazio esterno di una 60ina di metri quadri.

Può essere affittata per eventi e le tariffe sono, in misura ridotta sui 200 € circa (attività culturale/sociale con patrocinio comunale), ai 500 € circa (attività no profit senza patrocinio comunale) fino a i 6.000 € circa per eventi privati e/o commerciali.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email